The Scarecrow: un cortometraggio che fa riflettere

57

Siete felici di quello che fate in questo momento? Pensateci. Forse vi state dedicando a un lavoro che non vi piace, forse state assieme alla persona sbagliata o forse non vi state godendo tutte le cose che vi piace tanto fare con la scusa del non avere tempo.

Sembra che viviamo in automatico, pieni di obblighi e responsabilità, senza considerare il nostro benessere personale, come il protagonista del cortometraggio “The Scarecrow”. L’unica cosa che sappiamo fare è dimenticarci di noi stessi. Ci rendiamo invisibili e non ci chiediamo nemmeno se siamo dove vogliamo essere, a se facciamo quello che vogliamo fare, se stiamo insieme alla persona che vogliamo al nostro fianco.

Forse ci siamo abituati alla routine, alla vita di tutti i giorni, quindi non prendiamo nemmeno in considerazione la possibilità di un cambiamento. Ci avete mai pensato, cari lettori? L’abitudine può essere una buona compagna perché offre tranquillità, ma ha anche la capacità di limitarci e di impedire la nostra crescita dal punto di vista lavorativo, sociale e personale.

La differenza tra abitudine e passione

Non è lo stesso dedicarsi a qualcosa per cui sentiamo vera vocazione e passione che fare una cosa imposta, per la quale non proviamo il minimo interesse. Non è lo stesso stare con qualcuno che ci rende felici e stare con qualcuno a cui ci siamo abituati e con cui sembra esserci solo indifferenza. E non è nemmeno lo stesso fare le cose tanto per farle e farle perché danno un tocco di sapore e di colore in più alla nostra vita.

C’è una differenza tra il fare le cose per abitudine e il farle per passione. L’abitudine implica automatismo, inerzia, mancanza di consapevolezza. La passione, invece, porta con sé vita, energia, entusiasmo e colore. L’emozione sta nella passione e non nell’abitudine. La felicità è creare il proprio atteggiamento, la propria vita e le proprie opportunità.

Forse il mondo ha urgente bisogno di persone che amino quello che fanno, ma siamo soprattutto noi ad aver bisogno di fare cose che ci piacciono, di stare con le persone che amiamo e di dedicarci a quello che più ci appassiona. Altrimenti, non staremmo ugualmente bene, non vivremmo né sentiremmo le stesse cose, non è forse vero? Anche la felicitàrichiede degli sforzi.

Bisogna amare quello che si fa

Abbiamo bisogno che ritorni quella luce nei nostri occhi, abbiamo bisogno che l’emozione e l’intensità ritornino nella nostra vita, che la speranza si faccia strada in noi e che l’entusiasmo l’accompagni. Abbiamo bisogno di amare la nostra vita di tutti i giorni e tutto quello che comporta. Abbiamo bisogno di essere il motore della nostra vita e di poter dirigerla dove più desideriamo, con le persone che vogliamo e come vogliamo.

A rischio che le nostre parole vi sembrino utopistiche, possiamo dirvi che tutto questo è possibile. Servono tanto entusiasmo ed energia, tanto coraggio e valore, una grande dose di passione e curiosità. Le opportunità non arrivano dal nulla, bisogna uscire a cercarle e non c’è altro modo se non la voglia di cambiare e tanto sforzo per lottare per i propri sogni.

I risultati arriveranno, ma con il tempo. Bisogna solo decidersi a condurre il volante della vita e cominciare a piantare semi che prima o poi diano dei frutti. Non sarà un compito semplice, non sarà un’impresa senza ostacoli, ma possiamo assicurarvi che sarà una delle cose più piacevoli e più belle della vita. Lottare per quello che si ama è una cosa che non ha prezzo.

Fate quello che amate e sarete felici

Forse in questo momento vi sentite come il protagonista di questo cortometraggio che, inizialmente, è molto stanco e prigioniero in un’atmosfera di apatia ed inerzia. Siete infelici e i vostri sogni sono in lista di attesa, in cerca del momento perfetto per realizzarsi. Il momento perfetto, però, non esiste, siete voi a crearlo per trasformare i vostri sogni in realtà.

Perché non fate come lo spaventapasseri del cortometraggio che, desideroso di uscire da una situazione opprimente, decide di lottare per i propri sogni e, un po’ alla volta, riesce a raggiungere la felicità? Stanco di lavorare per un’azienda che produce cibi pronti, decide di rivoluzionare la sua vita cucinando alimenti naturali con l’obiettivo di “coltivare un mondo migliore”.

Anche voi, cari lettori, potete farlo, dovete solo cercare quello che amate e raggiungerlo. Con pazienza, sforzi, coraggio e valore, ma soprattutto con amore e passione in ogni passo che fate. Le persone più felici sono quello che hanno capito cosa amano fare e hanno deciso di andare a cercarlo.

Ecco il cortometraggio “The Scarecrow”! Buona visione!

via La Mente Meravigliosa