,

Questo ragazzo Down è stato assunto come barista – ed è l’impiegato migliore di sempre!

loading...
Dopo tante porte sbattute in faccia, una delusione dopo l’altra e numerosi no, Andrea Cenci, 26enne di Viterbo, ha finalmente realizzato il suo sogno: trovare un lavoro retribuito.

Andrea è nato con la sindrome di Down, ma la sua condizione non gli ha mai impedito di essere perseverante nella vita. Non ha mai creduto di essere diverso, di meritare un lavoro di serie B. No, lui voleva lavorare e avere un impiego retribuito come tutti i suoi coetanei.

mammeoggi.it
mammeoggi.it

“Io mi diverto tantissimo. Era il mio sogno nel cassetto. Finalmente sono riuscito a realizzarlo” ha dichiarato a Il Messaggero. Grazie a Garanzia Giovani e a Federico Biscetti, proprietario dell’Amaris Caffè di Viterbo, Andrea ha finalmente ottenuto un contratto di lavoro. La prova di assunzione è andata alla grande!

Il proprietario del bar, Federico, non crede di aver fatto nulla di eclatante. Prima di Andrea aveva provato altri due ragazzi, ma nessuno si è dimostrato abile e in gamba come il 26enne di Viterbo. Lui impara da solo, “è più abile di quelli abili” dice Federico. Sin da subito Andrea si è rivelato molto volenteroso. Voleva lavorare e fare i cappuccini.

mammeoggi.it
mammeoggi.it

Andrea rappresenta un grande esempio per tutti noi. Nonostante tutte le difficoltà non molla mai, neanche quando ha voluto imparare a sciare. “Ci ha messo 4 anni ad imparare ma non ha mollato.
Lui crede nei sogni e io ne sono orgogliosa”.

Il ragazzo è davvero entusiasta del suo nuovo lavoro, finalmente potrà dimostrare a tutti di non avere niente da invidiare agli altri. Noi siamo davvero impressionati, magari ci esistessero piú persone come Federico e Andrea, il mondo sarebbe un posto migliore.

via Incredibile
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

LA POTENZA DELL’AMORE – Di Einstein (DA LEGGERE)

Bambina di 9 anni costruisce da sola piccole case per senzatetto, perché tutti si meritano di avere un posto dove vivere