Impariamo a perdonare e a lasciar andare i torti subiti nel passato per sentirci in pace col mondo. Il perdono ha molto più a che fare con noi stessi e con il nostro mondo interiore che con la persona che dovremmo perdonare.

Potrebbe essere trascorso così tanto tempo dal torto subito che gli effetti di quell’azione ormai sono completamente scomparsi dalla nostra vita. Se poi quella persona si è veramente pentita di ciò che ha fatto nei nostri confronti e vuole in qualche modo riallacciare i contatti con noi o almeno recuperare un rapporto civile, possiamo iniziare seriamente a pensare al perdono.

Perdonare non significa lasciare se stessi in balia di nuovi torti da subire. La lezione del passato ci avrà pur insegnato qualcosa. Il perdono serve soprattutto a noi stessi per mettere finalmente da parte il passato e guardare avanti.

In alcune situazioni forse la persona in questione non saprà mai che l’avrete perdonata, eppure dentro di voi sarà avvenuto un cambiamento interiore. Il perdono è qualcosa che scegliamo innanzitutto per noi stessi, per stare bene e per contribuire a risanare una ferita. Può anche capitare di dover perdonare se stessi.

Accettare la realtà

Perdonare significa innanzitutto accettare la realtà di ciò che è accaduto in passato e capire come sono cambiate le cose in seguito. Significa anche cambiare il nostro stato d’animo interiore rispetto alla situazione che ci ha fatto soffrire. L’accettazione è un primo passo importante per lasciare andare il passato e per guardare al futuro. Non sempre si tratta di una mossa semplice. Con il perdono ci stiamo occupando dell’azione compiuta da un’altra persona nei nostri confronti, ma ci stiamo occupando anche di noi stessi e di come ci sentiamo.

perdonare 1

Perché perdonare è difficile?

A volte perdonare è difficile perché ci si sente carichi di sentimenti di vendetta, ci si sente superiori alla persona che ci ha fatto un torto o semplicemente non si sa come risolvere una determinata situazione. Inoltre si può provare rabbia, ci si può sentire vittime e nello stesso tempo riuscire a trarre dei vantaggi dalla situazione perché l’adrenalina ci dà la carica. Altre volte invece esiste la preoccupazione che perdonare una persona significhi riallacciare ad ogni costo un contatto con lei oppure perderla per sempre. Ma non è detto che quella determinata persona debba sapere (subito) che l’avete perdonata.

Magari sarà lei a venirvi incontro per chiedervi scusa ma prima di perdonarla di persona dovrete essere sicuri che si sia assunta le sue responsabilità e che non stia incolpando ancora altri.

perdonare 3

Perdonare è un’esperienza di crescita

Sia il perdono che ciò che abbiamo vissuto a causa del torto subito possiamo considerarle delle vere e proprie esperienze di crescita. Una vita senza ostacoli non ci permette di cambiare in meglio. Forse a un certo punto, almeno dentro di noi, ci ritroveremo non soltanto a perdonare ma anche a ringraziare in un certo qual modo chi ci ha ferito perché forse ci avrà reso delle persone migliori capaci di difendersi e di reagire.

perdonare 4

Esprimere il perdono

Possiamo decidere di dire, oppure no, alla persona in questione che l’abbiamo perdonata. Forse questa persona non fa più parte della nostra vita oppure non c’è più, o ancora, le circostanze non ci consentono di riallacciare i rapporti, perché preferiamo che ciò non avvenga o per altri motivi. Possiamo comunque perdonare le persone dentro di noi per lasciare fluire via finalmente la rabbia e il rancore, ma possiamo anche esprimere il perdono attraverso una lettera che decideremo di tenere per noi stessi o di consegnare all’interessato se pensiamo che potrà comprendere i nostri sentimenti.

Dopo il perdono

Il perdono non cancella ciò che è successo in passato ma semplicemente ci fa sentire più liberi e leggeri rispetto a una situazione che ci ha fatto soffrire. Perdonare significa lasciare andare il passato per guardare avanti e migliorare. Con il perdono ci si sente in pace con se stessi e col mondo, autorizzati ad essere felici.

Marta Albè – GreenMe