di Monica Giovine

Tutto quello che circonda la tua esistenza e che vedi intorno a te, è come uno specchio che ti sta mostrando ciò che si trova dentro di te, nel tuo “magnete”.

Questa parte di te – chiamata dalla “Legge dell’attrazione” il tuo magnete – è composta dai tuoi pensieri, dalle tue emozioni, dalle tue convinzioni rispetto a te stesso, rispetto agli altri e rispetto all’ambiente. Il tuo magnete, nella fisica quantistica o anche in altre discipline corrisponde alla “tua energia”, e ti sta mostrando la tua realtà esterna, affinché tu possa orientarti ed eventualmente fare delle modifiche interiori, se la tua realtà esterna non corrisponde a ciò che desideri.

Le altre persone pensano di te ciò che al tuo interno tu pensi di te stesso, si comportano con te come tu ti aspetti si comportino con te, ti vedono come tu ti vedi. Quindi, tu ricevi da loro ciò che tu nel tuo interno ti aspetti di ricevere. Se ti aspetti di ricevere amore ricevi amore, ma se ti aspetti di essere rifiutato, probabilmente ti poni inconsapevolmente nella condizione di ricevere proprio il rifiuto. Per questo è fondamentale modificare le convinzioni inconsce e la propria auto-immagine interiore, potenziando le credenze positive sulla propria persona e anche quelle relative alla propria vita. Attenzione alle trappole: più o meno tutti pensiamo di volere il meglio per noi stessi, la parte razionale vorrebbe sempre “il massimo”, ma se la nostra parte subconscia si aspetta il minimo, sarà proprio ciò che avremo!

Le persone e gli avvenimenti che sono entrati a far parte della tua vita, sono come uno “specchio”, che ti mostra quali sono i tuoi pensieri inconsci e le tue aspettative interiori. Quando parlo di specchio, intendo dire che le persone che fanno parte della tua vita, in sostanza, rispecchiano le tue aspettative interiori, che si tratti di lavoro, affari, amicizia, tempo libero, affetti, amore, o qualsiasi altra sfera della tua vita sociale. Le persone che incontriamo nei vari ambiti sociali, infatti, vengono “attratte” dal nostro magnete o dalla nostra energia interiore, che a sua volta ne richiama l’attenzione a livello inconsapevole. In ambito sentimentale, per esempio, veniamo attratti in parte da energie simili alle nostre, e in parte anche da energie opposte, e quindi complementari, entrambe riscontrabili in una stessa persona.

Lo specchio, tuttavia, non si limita a riflettere la nostra auto-immagine, a seconda dei risultati che vediamo e percepiamo all’esterno; nella nostra esistenza possiamo infatti comprendere come agisce la nostra “attrazione”, e attraverso la consapevolezza di questo processo, modificare il nostro “magnete”.

La paura, ad esempio, attrae eventi negativi e situazioni negative. La paura scarica l’energia vitale e indebolisce il corpo fisico. La paura attrae proprio ciò che si teme. Ecco perché a volte certi problemi sono recidivi, certi tipi esperienze ritornano, e certi tipi di persone o partner ce li ritroviamo sempre intorno. Li attraiamo noi stessi con la nostra paura. E’ fondamentale, quindi, liberasi dall’idea di ciò che non si vuole, focalizzandosi su ciò che invece si desidera. E’ importante cambiare le proprie convinzioni, iniziando a pensare di “meritare” ciò che si vuole veramente per la propria esistenza.

Quando nella tua vita entra una persona “simile a te”, con interessi affini ai tuoi, stai bene con questa persona, ti senti a tuo agio. Questo ti da un senso di sicurezza, di comprensione, di unione, di pace, e di protezione. L’altro è simile a te, per questo provi gioia quando sei con lui o con lei, provi amore per l’altro e per te stesso, poiché l’altro è uno specchio di ciò che sei tu. Vedi e percepisci te stesso attraverso lui o lei. L’amore per te stesso cresce nell’ammirazione dell’altro.

 

Tuttavia, anche quando nella tua vita entra una persona che percepisci come “diversa da te”, potresti – pur stupendoti per questo – sentirti attratto da lei. La spiegazione è nella complementarietà, nell’integrazione, nella completezza. Trovi nell’altra persona le caratteristiche che desideri per te stesso, e ti senti completo attraverso di lei. E’ un fattore di sinergie. Per esempio, un uomo forte, deciso, estroverso e sicuro di sé, con forte energia maschile, tenderà ad essere attratto da una donna dolce e femminile. Al contrario un uomo dolce, creativo, introverso tenderà ad essere attratto da una donna forte, decisa e molto sicura di se stessa. Dunque, conoscere il nostro polo d’attrazione ci permette di conoscere meglio noi stessi, ed andare incontro alla nostra naturale energia.

Ogni differenza che noti nell’altro, è per te come un termostato che ti indica in quale punto ti trovi. Ogni persona che incontri, arricchisce la tua esperienza e tu arricchisci la sua. Ogni incontro è un passo avanti verso la propria evoluzione personale, ed è così anche per l’altra persona. Quando nella tua vita si presentano situazioni non desiderate e che avresti voluto evitare, sotto forma di persone o eventi, è una buona opportunità per te per comprendere e vedere una parte del tuo “magnete” o della tua energia interiore, che comunque, volendo, sei in grado di cambiare.

Le ripetizioni indesiderate di eventi negativi sono perciò dei forti indicatori su ciò che esiste realmente dentro di noi, sia come timori consapevoli sia come aspettative inconsce. Ciò che rifiutiamo evoca immagini grandi e vicine, suoni e sensazioni forti, che spesso trasformiamo in una sorta di film: per questo motivo entrano con forza a far parte della nostra vita.

Dobbiamo, invece, creare un film di ciò che desideriamo veramente, visualizzando ciò che desideriamo con immagini grandi, vicine, a colori, in movimento, e con un sonoro stereofonico, esattamente come se fossimo in una bellissima sala cinematografica. Dobbiamo creare all’interno del nostro corpo delle belle sensazioni, provare emozioni e poi entrare nello schermo ed essere i protagonisti del film della vita che desideriamo. Dobbiamo farlo frequentemente, mentre siamo tranquilli e rilassati. E poi staccarci dal risultato. L’attaccamento è indice di ansia e di timore, per questo motivo è da bandire. Il distacco è fondamentale, cosi come lo sono la sicurezza del risultato dissociata dall’attaccamento, la tranquillità e la serenità interiore.

Per ciò che riguarda il dialogo interno, è importante dire a se stessi di meritare la situazione che si desidera per la propria esistenza, dire a se stessi di amarsi e di meritare di essere amato. E’ importante ripetersi queste frasi “potenzianti” mentre si è in uno stato di rilassamento, o alla sera quando si è comodamente a letto prima di addormentarsi.

Articolo di Monica Giovine

Fonte: http://www.piuchepuoi.it/sviluppo-personale/lo-specchio-il-mondo-esterno-e-il-riflesso-del-nostro-mondo-interno/