10 parole tossiche che dovresti eliminare dal tuo vocabolario oggi stesso

di Jennifer Delgado Suárez

Normalmente non prestiamo molta attenzione alle parole che usiamo. Tendiamo a credere che le scegliamo a caso, come richiesto dalle circostanze, ma in realtà è stato dimostrato che ognuno ha un modo unico di parlare, come se fosse una “traccia verbale”.

Infatti, uno studio condotto presso la VU University di Amsterdam, ha scoperto che le persone estroverse scelgono parole molto diverse dagli introversi. Gli introversi preferiscono parlare in termini più concreti e specifici utilizzando un linguaggio più cauto, pieno di “forse” e “probabilmente”, mentre gli estroversi scelgono parole più vaghe e astratte nel linguaggio di tutti i giorni, ma sono più diretti nell’esprimere i loro desideri.

Senza dubbio, le parole hanno un forte impatto perché non solo servono a descrivere il mondo ma finiscono anche per creare il nostro. Nel famoso romanzo di George Orwell “1984”, lo scrittore fa riferimento all’enorme potere del linguaggio per modellare la nostra realtà. In effetti, la neolingua che si sarebbe dovuta impiantare nel suo mondo distopico avrebbe dovuto essere “un linguaggio articolato emerso dalla laringe senza coinvolgere i centri cerebrali”. In un altro capitolo dice: “Ogni anno ci saranno meno parole, quindi il raggio d’azione della coscienza sarà sempre più piccolo”.

La Programmazione Neurolinguistica affronta l’importanza delle parole nella costruzione dei nostri modelli del mondo. Il dialogo che manteniamo con noi stessi finisce per diventare la nostra verità, quindi è importante non abbandonarlo agli stereotipi sociali o ai canoni che ci sono stati inculcati nell’infanzia.

Le parole tossiche che sabotano la tua felicità

1. Colpa. Spesso diciamo che ci sentiamo in colpa, ma non siamo pienamente consapevoli delle ripercussioni di questa parola. Sentirsi colpevoli implica assumere che ci sia qualcosa di sbagliato in noi, che alcune delle nostre caratteristiche come persone non siano adeguate, il che genera una profonda angoscia esistenziale. Invece, dovremmo usare parole molto più precise, come “mi dispiace per quello che ho fatto”, che significa che il nostro comportamento non è stato corretto, ma che non c’è qualcosa di terribilmente sbagliato in noi.

2. Fallimento. Henry Ford disse che “il fallimento è una grande opportunità per ricominciare con più intelligenza”. In realtà, il fallimento non esiste, ci sono solo esperienze di vita che ci portano in una direzione o nell’altra. Pensare in termini di fallimento significa assumere il metro di valutazione della società e adattarsi ai suoi modelli di successo, così che se non ci adattiamo, assumiamo che abbiamo fallito. Pertanto, invece di parlare in termini di fallimento, dovremmo parlare in termini di esperienze di vita.

3. Dovere. La parola dovere è uno dei legami più forti che ci legano, inventata dalla società per generare in noi il senso di colpa quando non desideriamo fare qualcosa, quando i nostri impulsi e desideri ci spingono nella direzione opposta e non intravediamo alcun profitto in quell’atto. Molte persone si sono rovinate la vita perché hanno sempre usato il “devo” invece del “voglio”. Il problema del “dovere” è che ci fa funzionare come automi, spingendoci a fare qualcosa che non vogliamo. La soluzione sta nel trovare il significato e ottenere che i “devo” si convertano in “voglio”. Dovremmo prestare maggiore attenzione a questi versi di Dulce María Loynaz: “dei sogni che ho avuto ho potuto vivere fino ad ora; dei diamanti offerti con riluttanza non potrei vivere un solo giorno”. Questo significa che dovresti cercare ciò che ti appassiona e lasciare che anche le persone intorno a te facciano lo stesso.

4. Impossibile. Non si tratta di assumere un positivismo ingenuo, è importante essere realistici. Tuttavia, utilizziamo la parola “impossibile” molto più di quanto sarebbe consigliabile. Tanto è che spesso prende il posto della parola “improbabile”. Nella nostra mente, trasformiamo l’improbabile in impossibile, così ci precludiamo un mondo di opportunità che, seppur piccole, potrebbero crescere con la determinazione. In ogni caso, è meglio pensare in termini di probabilità che assumere parole lapidarie come “mai” o “impossibile”. Confucio ci dà un’idea per affrontare questa sfida: “quando l’obiettivo ti sembra impossibile, non cambiare obiettivo; cercare un nuovo cammino per arrivarci”.

5. Odio. L’odio è una delle emozioni più perverse che esistano perché finisce per causare un danno enorme, specialmente in coloro che lo vivono. È ovvio che l’odio esiste, non possiamo eliminarlo, ma dovremmo assicurarci di essere molto più specifici quando cataloghiamo le nostre emozioni. È probabile che ciò che etichettiamo come odio sia in realtà rancore, frustrazione o rabbia, ma etichettarlo come odio lo farà crescere e diventare davvero quell’emozione che ci deruba della nostra pace.

6. Sempre. Il problema con questa parola è che di solito esce dalla nostra bocca quando proviamo a rimproverare qualcuno: “ti comporti sempre così”, o quando proviamo a difendere qualcosa: “lo abbiamo sempre fatto in questo modo”. Tuttavia, “sempre” è sinonimo di immobilità, quindi è una parola che non si adatta alla realtà, semplicemente perché le cose cambiano continuamente. Questa parola spesso nasconde la resistenza al cambiamento, il desiderio di aggrapparsi al passato e la negazione dell’evoluzione. Pertanto, è importante usare questa parola con molta cautela.

7. Mai. Come la parola sempre, anche mai è una parola immobile che non riflette fedelmente la realtà, che è in continua evoluzione. Questa parola è il riflesso di una visione rigida che ci preclude le opportunità o i nuovi percorsi che possono aprirsi davanti a noi. Restare aperti al cambiamento è fondamentale perché ci permetterà di adattarci, pensare che qualcosa non può mai accadere può causarci una grande delusione.

8. Problema. La parola “problema” ha implicazioni molto negative perché la associamo a ostacoli e difficoltà. Quando la includiamo nel nostro dialogo interno, il nostro cervello reagisce immediatamente facendo saltare tutti gli allarmi e generando uno stato di stress e ansia. Possiamo ridimensionarla, immaginando che in realtà sia un’opportunità, o possiamo scegliere un percorso più semplice e sostituirla direttamente con la parola “sfida”. Tutti i problemi, in fondo, sono solo sfide che implicano che cambiamo qualcosa. Possiamo scegliere se concentrarci sul suo aspetto negativo o evidenziare la possibilità di cambiamento.

9. Prima o poi. Milton Erickson disse che: “un obiettivo senza una data è solo un sogno”. Se sei una di quelle persone che dice sempre a se stessa: “prima o poi lo farò”, allora è probabile che tu abbia messo in pausa i tuoi progetti di vita. Queste parole nascondono solitamente la paura di fallire, di lasciare la zona di comfort o la mancanza di fiducia nelle proprie capacità. Se vogliamo davvero qualcosa, dobbiamo impegnarci ed elaborare un piano d’azione. Altrimenti, “prima o poi” diventerà “mai”.

10. Provo. Fallo o non farlo, ma non provarci. Dire che proveremo a fare qualcosa spesso significa che non siamo abbastanza sicuri, che non siamo sufficientemente compromessi e/o che non siamo abbastanza capaci. In ogni caso, significa iniziare con il piede sbagliato. È vero che le cose non vanno sempre come previsto e non possiamo sempre raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati, ma dobbiamo iniziare con un atteggiamento positivo.

Fonte:
Beukeboom C. J. (2013) The Language of Extraversion Extraverted People Talk More Abstractly, Introverts Are More Concrete. Journal of Language and Social Psychology; 32(2).

Fonte: L’angolo della psicologia

via Informare per Resistere