Una delle più comuni fonti di difficoltà per la maggior parte di noi è la frustrazione: durante la nostra giornata anche le cose più piccolepossono essere per noi fonte di frustrazione.

Eppure, prendere coscienza di quanto spesso siamo frustrati non risolve il problema. Quando qualcuno sottolinea che sei frustrato, questo ti rende solo più irritato.

Come possiamo lasciare andare le nostre frustrazioni e trovare la calma?

Come possiamo ritrovare serenità quando le nostre emozioni di frustrazione sono state innescate?

La risposta non sta nell’esterno: non possiamo rendere le cose intorno a noi meno frustranti.

Non possiamo fare in modo che avvengano cose come:

• Le persone si comportano nel modo in cui noi vogliamo

• Le cose vanno come desideriamo

• Le nostre case o luoghi di lavoro sono ordinati, calmi e piacevoli

• Abbiamo tranquillità quando vogliamo silenzio

• Il traffico è migliore e gli altri conducenti sono meno maleducati

E così via. Come puoi immaginare, non è possibile realizzare tutte queste cose a nostro piacimento. Non possiamo controllare le altre persone, gli eventi esterni e ciò che ci accade intorno per la maggior parte del tempo. Le cose non andranno come vorremmo.

E quando le cose non vanno come vorremmo … ci sentiamo frustrati. Non possiamo risolvere il problema cercando di risolvere la situazione esterna.

La risposta deve venire dall’interno.

Iniziare a cambiare la risposta interna

Lo so, quando qualcun altro è sgarbato, è frustrante pensare che dobbiamo essere noi a cambiare la nostra risposta.

Perché non possono semplicemente cambiare il loro modo di agire? Bene, sappiamo già come va – non possiamo farli cambiare , quindi saremo semplicemente frustrati.

Quindi, ancora una volta, dobbiamo accettare il fatto che la soluzione alla nostra frustrazione si trova solo all’interno.

Se sei pronto per il cambiamento interiore, inizia con questo processo:

• Nota qual è la tua risposta abituale (il Pattern) a situazioni esterne frustranti (il Trigger).

• Nota quale risultato ottieni dal modello. Per esempio, se il Pattern è rabbia e frustrazione e dici a te stesso cose come: “Perché gli altri devono essere così?” … allora il Risultato potrebbe essere infelicità, stress, un peggioramento dei tuoi rapporti. Potrebbe essere rabbia o un attacco a qualcuno.

• Quindi c’è un Trigger (situazione esterna che non ci piace) e un Pattern (la nostra risposta abituale al Trigger), e quindi un Risultato dal Pattern (frustrazione, infelicità, attacco, peggioramento delle relazioni).

• Ora chiediti: vuoi continuare a ottenere questo risultato? È un risultato desiderabile? Il modello è utile per te?

Se non è un Pattern utile, puoi iniziare a crearne uno nuovo.

Creare un nuovo modello

Quale modello sarebbe più utile per te?

Potresti considerarne uno come questo: “Questa (persona / situazione) non è ciò che voglio. Mi chiedo: posso aprirmi ed essere curioso rispetto a questa persona / situazione? Mi chiedo: c’è un modo per essere grato per questo momento che mi è stato dato? Mi chiedo: riesco a trovare un modo per amare questo momento, nella sua interezza?

Questo modello potrebbe essere più utile. Provalo, crea il tuo Pattern.

Quindi inizia a mettere in pratica il Pattern, sostituendo quello vecchio. Ci vuole pratica, quindi non aspettarti di essere perfetto da subito (al contrario).

Ecco come esercitarsi con il nuovo Pattern:

• Nota quando dai inizio al vecchio Pattern con uno dei tuoi soliti Trigger (qualcosa che non ti piace, qualcuno che si comporta male, non è all’altezza delle tue aspettative, ecc.).

• Interrompi il vecchio Pattern e non rimuginarci sopra, anche se lo noti solo dopo che è già iniziato. Ad esempio, un minuto nel tuo vecchio Pattern, lo noti … ora fermati. Di’ a te stesso: “Non è utile, non ho intenzione di sprecare il mio tempo e le mie energie in questo modo.”

• Inserisci invece il tuo nuovo Pattern. Pronuncia le parole che hai pianificato (come quelle che ho suggerito sopra) e cerca di adottare davvero quell’atteggiamento. Non preoccuparti se all’inizio non sei bravo, prova solo ad aprirti a questo nuovo approccio.

• Vedi quale risultato ottieni con questo nuovo Pattern. Concediti qualche tentativo prima di giudicare i risultati (forse 10-15 tentativi).

Se il risultato è migliore, allora forse è opportuno continuare a praticarlo. Altrimenti, crea un nuovo Pattern e provalo.

Tutto questo richiede pratica. È importante ricordarsene, quindi metti delle note di promemoria dovunque puoi e non essere severo con te stesso se te ne dimentichi.

Sii paziente con te stesso e considera questo come un atto d’amore per te stesso. Consideralo come un modo per ridurre la frustrazione e l’infelicità e per trovare invece la pace e la calma. Che bella cosa da fare per te stesso e per coloro che ami!

via ViviZen