Ci siamo passati tutti: non vedi l’ora di andare in vacanza, ma quando arrivi qualcosa va storto. Arrivi tardi in hotel, la mattina ti svegli presto e vai in spiaggia, poi capisci di esserti dimenticato la protezione solare. Che disastro!

È capitato a tutti, ma alcuni viaggiatori sono stati più sfortunati di altri. Secondo Wanderlust, il Thomas Cook Group ha lanciato un’indagine di mercato al fine di migliorare la qualità dei propri servizi. Questo articolo si basa su 19 delle risposte ricevute, o meglio sulle lamentele dei viaggiatori.

1.“Durante il mio viaggio a Goa, in India, sono rimasta disgustata quando ho scoperto che quasi tutti i ristoranti servivano cibo a base di curry. Non mi piace il cibo speziato.”

2.“Io e il mio fidanzato abbiamo prenotato una stanza con due letti, ma abbiamo trovato un letto matrimoniale. Ora la ritengo responsabile della mia gravidanza, non sarebbe mai successo se avessimo avuto la stanza che avevamo richiesto.”

3.“Siamo andati in vacanza in Spagna e abbiamo avuto problemi con i tassisti perché erano tutti spagnoli.”

4.“Abbiamo prenotato un’escursione in un parco acquatico, ma nessuno ci ha detto che dovevamo portare costume da bagno e asciugamano. Pensavamo che fosse tutto incluso nel prezzo.”

5.“La spiaggia era troppo sabbiosa. Abbiamo dovuto lavare tutto quando siamo ritornati in hotel.”

6.“Non ci è piaciuta la sabbia, non era come quella nella brochure. Pensavamo fosse bianca e invece era gialla.”

7.“I negozi di Puerto Vallarta sono chiusi di pomeriggio. Spesso avevo bisogno di fare acquisti proprio durante la siesta pomeridiana – dovrebbe essere vietata.”

8.“Nessuno ci aveva detto che in acqua c’erano i pesci. I nostri bambini si sono spaventati.”

9.“Anche se sul volantino c’era scritto che la cucina era completamente attrezzata, non ho trovato l’affetta uovo.”

semester5

davidkravitzcoaching

10.“Penso che nella brochure dovrebbe esserci scritto che i supermercati locali non vendono il pan di zenzero. Che cosa prendiamo ora con il caffè?”

11.“Le strade erano così traballanti che non abbiamo potuto leggere la nostra guida per andare in hotel. Quindi non sappiamo che cosa abbia reso piacevole il nostro soggiorno.”

12.“Ci sono volute nove ore per viaggiare dalla Jamaica all’Inghilterra. Per gli americani, ci vogliono tre ore per ritornare a casa. Non è giusto.”

13.“Ho confrontato il nostro monolocale con l’appartamento e le stanze dei nostri amici e il nostro era molto più piccolo.”

14.“Nella brochure era specificato ‘no parrucchiere in hotel’. C’erano tre apprendiste parrucchiere: potevano stare in hotel?”

15.“C’erano troppi spagnoli. La receptionist parlava spagnolo e il cibo era spagnolo. Nessuno ci ha informati che ci sarebbero stati così tanti stranieri.”

16.“Abbiamo dovuto aspettare fuori per imbarcarci e non c’era l’aria condizionata.”

17.“Prima del viaggio, il tour operator avrebbe dovuto informarci della presenza di ospiti rumorosi in hotel.”

18.“Mi ha punto una zanzara. Nella brochure non c’era scritto nulla sulle zanzare.”

19.“Prendere il sole in topless dovrebbe essere vietato. Mio marito era andato in spiaggia per rilassarsi un po’.”

Noi ci chiediamo seriamente che cosa abbia risposto il Thomas Cook Group a questi viaggiatori insoddisfatti. Che ne pensate?

via Incredibile